piedi erotismo

Piedi ed erotismo: affinità o semplici trend sessuali?

Quando si parla di feticismo dei piedi non per tutti è chiaro se si fa riferimento ad una perversione o ad una normale attitudine/variante della sessualità umana.
La verità, come vedremo, sta nel mezzo anche se troppo spesso la poca conoscenza dell’argomento induce a banalizzare la questione: proprio in virtù di ciò abbiamo deciso di dedicare all’argomento “piedi ed erotismo” l’articolo di approfondimento che state leggendo.

Foot fetish: tutto ciò che c’è da sapere

La prima questione da risolvere è capire se il feticismo è semplicemente un’attitudine o un comportamento patologico.

A tal riguardo è esaustiva la distinzione del DSM V (manuale statistico e diagnostico dei disturbi mentali) che specifica come “ …il comportamento feticistico, non causa alcun detrimento alla vita sociale e relazionale del soggetto, mentre il disturbo feticistico vero e proprio è connotato da una compulsione e da un significativo disagio clinico”.

Nel nostro caso ci soffermeremo soltanto sul cosiddetto “comportamento feticistico” ovvero la normale attitudine che si concretizza in un forte desiderio sessuale nei confronti dei piedi, elevati a veri e propri “oggetti di adorazione e di culto”.

In alcuni individui l’adorazione del piede è una forma di sottomissione nei confronti del partner, ma non è detto che ciò avvenga sempre: sono altrettanti i casi di persone considerate “dominanti” nelle pratiche BDSM che amano fortemente questa parte del corpo umano.

Solitamente un feticista dei piedi ama esplorare sia il piede nella sua interezza che le singola dita e, oltre a interagire con esso in vari modi (annusandolo, leccandolo, solleticandolo, massaggiandolo, etc.), ama dilettarsi con le calzature che lo “contengono” (sandali, scarpe con tacco, collant etc.).

I giochi sessuali che un feticista dei piedi pratica sono numerosi e sono un’ulteriore dimostrazione di come la sessualità umana sia davvero sfaccettata e difficilmente classificabile.

Le più famose pratiche del feticismo dei piedi

Il tickling che consiste nel provocare o ricevere solletico ai piedi, tramite piume o altri oggetti funzionali allo scopo; il footjob ovvero la masturbazione tramite i piedi; il licking che consiste nel trarre piacere leccando o facendosi leccare i piedi del proprio partner; lo sniffing ovvero il piacere nell’annusare i piedi solitamente di altri individui; il trampling che consiste nel calpestare o nel farsi calpestare: tale pratica si può effettuare sia a piedi nudi, sia calzando particolari tipi di stivali a tacchi alti (pratica molto comune nei giochi BDSM); il feeding from feet che consiste nel mangiare prendendo il cibo direttamente dai piedi del proprio partner.

Ogni pratica ha, a sua volta, diverse varianti, come ad esempio il grado di pulizia del piede stesso: non è insolita infatti la passione per i piedi sporchi da leccare oppure la pratica che consiste nel mangiare i residui che si accumulano tra le dita dei piedi.

Come si può facilmente intuire, tale passione per i piedi accomuna diverse persone che ovviamente si organizzano per scambiarsi informazioni o praticare ciò che più amano, dal vivo come sul web: sono numerosissimi infatti i blog, i siti, i forum tematici che permettono ai feticisti dei piedi di condividere la propria passione.
Proprio in alcuni di questi “luoghi virtuali” abbiamo trovato alcune interessanti testimonianze che vi proponiamo nel prossimo paragrafo.

Cosa ne pensano i veri feticisti dei piedi

Qualsiasi fenomeno, per essere analizzato e compreso al meglio, non può prescindere dalla testimonianza diretta da chi è “dentro” al mondo che si intende indagare: proprio per questo abbiamo deciso di “dare voce” a coloro, che in prima persona, vivono la passione del piede come fonte di piacere. Ecco quindi degli estratti di alcuni racconti trovati in rete:

Marco, 44 anni, Milano: “Frequento da diversi anni club fetish di Milano, luoghi ideali per condividere la mia passione con altra gente, in particolare con Mistress che vivono per farsi leccare e annusare i loro regali piedini.”

Elisa, 32 anni, provincia di Roma: “Sono ormai tre anni che nell’ambiente BDSM di Roma e provincia sono conosciuta come una delle migliori Mistress nell’ambito “piedi e dintorni”, grazie alla mia straordinaria abilità nel fare il footjob. Molti uomini mi reclamano disperatamente perché riescono a venire solo grazie alle seghe fatte dai miei deliziosi e profumati piedini.”

Natale, 29 anni, Bari: “Gli stivali in pelle che alcune donne usano per me sono più eccitanti delle donne stesse. Amo adorarli, leccare i tacchi e le suole sporche. Raggiungo l’orgasmo senza nemmeno toccarmi.”

Matteo, 52 anni, provincia di La Spezia: “Sin da ragazzo ho avuto un debole per i piedi femminili, autentica forma di delizia per gli occhi, per l’olfatto, per il tatto… per tutto! Attualmente frequento dei club dove si pratica il trampling, perché sentire i piedi nudi di una donna che ti camminano addosso è qualcosa di estasiante! Bisognerebbe provare per capire di cosa sto parlando.”

Servizio di Intrattenimento Telefonico offerto da Esperto SEO Srl - Viale Cesare Battisti 179, 05100 Terni (TR) - C/F P.Iva 01512540558

Gruppo: Telefono Erotico 365